Leone Conti Società Agricola

Bevi meno, bevi meglio.

Dalla vigna alla cantina

Dalla vigna alla cantina

Una produzione che ama la pianta

Il cuore dell’azienda Leone Conti è la terra, una proprietà che comprende 22 ettari di vigneti, 3 di olivi, 3 destinati alla produzione di grano antico e un appezzamento dedicato a colture seminative a rotazione. Le nostre uve, cullate dai declivi collinari, crescono godendo di giornate calde e notti fresche.

Per la potatura delle nostre piante applichiamo il metodo messo a punto dagli agronomi friulani Simonit e Sirch: una potatura soffice, che rispetta la ramificazione e l’integrità del flusso linfatico della vite.
Ogni pianta viene potata manualmente, con tagli e incisioni di piccole dimensioni, per assicurare alla vite il giusto equilibrio produttivo e il massimo della longevità.

Anche per la vendemmia preferiamo da sempre un approccio individuale con ogni vitigno, lento e meticoloso. Ecco perché la raccolta è rigorosamente manuale: questa modalità ci consente di partire da uve al giusto grado di maturazione, in condizioni ottimali, di buona qualità, che non subiscono modifiche ed ossidazioni.

Solo gli acini migliori arrivano sui tavoli di cernita della nostra cantina, dove ha inizio la vinificazione. È il momento creativo per eccellenza, quello che ogni anno si ripresenta con le stesse emozioni della prima volta. Perché è nell’iter produttivo vero e proprio – quando l’uva si trasforma in vino – che il carattere di Leone Conti si delinea e prende forma.
La nostra filosofia produttiva non può che privilegiare tecniche e metodologie delicate, nel pieno rispetto delle caratteristiche della materia prima. Allo stesso tempo, gli interventi in cantina sono ridotti al minimo.
Per la spremitura degli acini utilizziamo la pressa soffice, che consente di estrarre solo la parte più pregiata dell’acino, senza frantumare la buccia. Il mosto passa poi direttamente nei contenitori per il processo della decantazione e fermentazione a temperatura controllata.